lunedì 17 febbraio 2014

Flash Gordon


Titolo originale: Flash Gordon
Nazione: USA
Anno: 1980
Genere: Fantascienza, Avventura
Durata: 110'
Regia: Mike Hodges
Cast: Max von Sydow, Ornella Muti, Timothy Dalton, Topol, Sam Jones
audio/video: 10

Trama:
Il Dottor Zarro, scienziato della NASA, notando che la Luna è ben 12 gradi fuori dal proprio corso, è ormai sicuro di quanto già annunciato e non creduto: un potente imperatore del Cosmo ha dirottato la Luna per distruggere la Terra. Con astuzia, Zarro riesce a trascinare con sé il campione di baseball Flash Gordon e la sua fidanzata Dale Arden. Proprio come previsto, il copevole è Ming lo Spietato, imperatore di Mongo, il quale, però, finge di accogliere come ospiti i tre terrestri. Ming vuole appropriarsi del cervello di Zarro e sposare la bella Dale...

Commenti
Realizzato con ingentissimi capitali, il film è un tipico 'kolossal' che è stato concepito non in funzione dei valori nascosti negli eroi delle letterature mitiche antiche o moderne, bensì quale conseguenza del successo commerciale decretato dal pubblico tanto ai film legati ai fumetti (Flash Gordon, Batman, Superman, Uomo Ragno), quanto a quelli di gradiosa fantascienza. Una operazione del genere. Per conseguenza, o la si disapprova a priori o la si esamina e la si gusta per quello che ha inteso essere. Ora, va da sé che il trionfo della fantasia, ossia della irrealtà, qui non si può discutere. Il personaggio che si propone al critico per primo non è il regista Mike Hodges (un americano proveniente dai telefilm), ma l'autore degli 'effetti speciali', qui Glen Robinson, già insignito di 4 Oscar. E bisogna riconoscere che i miliardi messi a sua disposizione, li ha spesi con intelligenza, con gusto, con efficacia: le scenografie, i costumi, i trucchi sono una sorta di riepilogo di tutto quanto oggi è stato fatto dagli anni '30 ad oggi. Strepitosa la colonna sonora dei Queen. ^_^

Oggi non sono più molti coloro che sono cresciuti sulle indimenticabili pagine di Alex Raymond (poverini ç_ç) quindi ho pensato di rimediare postando anche il fumetto originale nella splendida versione della Comic Art che riprese le tavole del maestro e le pubblicò, per la prima volta in Italia, non censurate! :D


Dati tecnici:
Audio: AC3 ITA+ENG
File Name: Flash Gordon.mkv
Codec ID: H.264/MPEG-4
Resolution: [ Width: 720 Height: 544]
DRF medio: 20.065317
Deviazione standard: 3.001718
Frame Rate: 25 fps
Durata: 01:47:03 (6423.44 s)
Bitrate: 1441.040764 kbps
File size: 1.688.003 KB
Subtitles: ITA+ENG

Screenshots:







DVD Cover: compresa nel file
OST (Original Sound Track): compresa nella cartella
Fumetto originale: compreso nella cartella
Cartella MeGa
https://mega.co.nz/#F!bQwkCbgK!dZV593pPPTUPtH1sXOciFQ

21 commenti:

  1. Eccolo finalmente! Il miglior film di fantascienza anni '50... del 1980! XD
    Non è solo una battuta però, è davvero con questo spirito che va visto, altrimenti si scade nell'approccio dei critici alla Morandini che non hanno capito nulla del film. >_<
    Vista l'eccezionalità dell'evento (e la fortuna nella ricerca delle fonti!) ho allegato nella cartella anche la mitica OST dei Queen e il fumetto originale. Slurp! :-P

    Carissimi amici, anche oggi vi auguro davvero Buon Divertimenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che il Flash Gordon di Hodges aveva lasciato leggermente perplesso anche me, nulla di così grave comunque (nell'altro post in cui ricordavo la presenza di Brian Blessed l'avevo infatti semplicemente definito "non riuscitissimo"...sui fraintendimenti morandiniani stendiamo un pietoso velo, è meglio >_< ) : ad esempio Sam Jones, pur se fumettosamente aderente dal punto di vista fisico al ruolo di Flash lo trovavo alquanto "ingessato" nell'interpretarlo e qualche volta sembravano esservi delle difficoltà nel trovare il giusto equilibrio tra azione raymondiana pura e momenti al limite della parodia. Certo è che ci troviamo in presenza di un cast internazionale -compresa la nostra compianta Mariangela Melato- molto interessante (Max von Sydow è un Ming assai credibile, così come Topol riesce a ben caratterizzare un dottor Zarro pur nei limiti impostigli da un personaggio che poteva forse essere meglio sfruttato) nonché di un comparto tecnico che si difende bene...a una visione attenta si nota lo sforzo fatto per richiamare le atmosfere e le ambientazioni del Gordon non solo fumettistico ma anche televisivo, sia degli anni '50 che degli anni '30 ovviamente (quando lo impersonava Buster Crabbe), senza per questo rinunciare a inserire il tutto in un contesto moderno. E poi ci sono i Queen ;-) che grazie a te, Ranmafan, potrò gustarmi di nuovo assieme al film e al fumetto (tra l'altro a me piace molto un altro personaggio che nella sua primissima avventura nel 1954 aveva una caratterizzazione poco dissimile da Flash Gordon, per poi discostarsene del tutto in poco tempo...sto parlando del bellissimo Jeff Hawke di Sydney Jordan)!
      Buona serata a te e a tutti noi del blog ^_^

      Elimina
  2. grande ranmafan. un lavoro filologicamente notevole

    RispondiElimina
  3. ^_^ Sì, beh... Non era proprio questo a cui stavo pensando quando ho decideso di postarlo ma, in effetti, è corretto.
    A dire il vero io ero più spinto dall'idea della full immersion nel mondo "Gordon & derivati", con una spruzzatina di SciFi retrò, quindi il risultato è filologicamente azzeccato solo perché c'è dentro tutto; però visto a lavoro finito hai perfettamente ragione. XD
    In un modo o nell'altro, sono sicuro che ti divertirai un sacco anche tu, mio caro amico :D

    RispondiElimina
  4. Cribbio, Ranmafan! Se incominci a citare Raymond mi inviti a nozze!
    Innanzitutto grazie per gli allegati: il fumetto andrà a sostituire una vetusta edizione "Fratelli Spada", con le strisce strarimontate, stampata su carta assorbente a 8 colori! XD
    Scarico, leggo e tornerò certo a commentare.
    E' comunque un piacere vedere che continui a tramandare cultura ai posteri. Oggi come oggi faccio una certa fatica a digerire la forma narrativa di fumetti del genere, ma non possiamo ignorare che certi autori hanno fatto la storia del fumetto, influenzando schiere di epigoni. E Alex Raymond di sicuro è tra questi.
    Quanto al film, che non ricordo di aver visto (forse da ragazzino?), dagli screenshot mi ricorda Excalibur, film che mi è rimasto nel cuore e dal gusto indubbiamente pacchiano (Uter che amoreggia senza togliersi l'armatura ve lo ricordate?): sono i primi anni Ottanta, insomma!
    Saluti a tutti (in particolare ai fumettofili in ascolto). Il vecchio zio Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da fumettofilo a fumettofilo: delle edizioni "Fratelli Spada" io avevo Magnus - Il nemico dei robot -in tandem con le avventure del Capitano Johner e gli Extraterrestri- di Russ Manning, oltre agli albi di Star Trek (quando ancora in Italia la conoscenza della saga era riservata a un ristretto numero di iniziati...qua si era nei favolosi anni di Gerry e Sylvia Anderson, Gene Roddenberry avrebbe dovuto aspettare ancora del tempo prima di sbarcare da noi)...purtroppo poi diedi via queste perle rare, e oggi ne sento la nostalgia.
      Buona serata a tutti

      Elimina
    2. Temo che qui siamo tutti un po' fumettofili (io addirittura fumettofago! XD); quando ho cominciato a comprare Flash Gordon della Comic Art guadagnavo ancora davvero pochino e mi limitai a prendere solo la versione più piccola (23x30) che costava 5000 Lire. La bella, invece, aveva l'invidiabile prezzo di 50.000 Lire a volume (O__O) e ho dovuto aspettare anni per potermela permettere. Però ne è valsa la pena! :D
      Ora sono il fortunato possessore di ben tre versioni: le due di Comic Art e l'originale pubblicato in Italia nel '46 dalla Nerbini con tutti i vestiti rifatti per coprire le nudità. ^__^
      Vi consiglio di dare un'occhiata a questo link per vedere di cosa sto parlando: http://www.ubcfumetti.com/classic/?14342

      Ora che mi avete fatto venire la voglia, mi sa che passerò i prossimi giorni a rileggermi tutta la saga. ^___^

      Elimina
    3. Meglio la versione sexi non c'è che dire!!

      Elimina
    4. ^____^ Sono due cose diverse; come ho detto sopra, questo è un film da vedere con lo spirito anni '50, non puoi e non devi paragonarlo alla fantascienza moderna. ;D

      Elimina
    5. Ma sai che la censura delle scene "osé" (oltre a quelle violente) colpì anche il primissimo Tex?
      Tanto tempo fa girava un libretto (WOW comics o qualcosa del genere) tutto dedicato alla censura nel fumetto: era uno spasso! Persino gli autori italiani delle storie Disney subirono...
      Il vecchio zio Pietro

      Elimina
    6. Ecco come rovinare le tavole di Raymond con delle censure ridicole, giusto per usare un eufemismo... :-(

      Elimina
    7. Non mi stupisce, ho sempre ritenuto strano che in Italia qualcuno non censurasse le mutande di Minnie. XD

      Scusa Marina, non ho letto con attenzione il tuo messaggio e ho pensato che ti riferissi al film; ovviamente mooooOOlto meglio la versione sexy. ^_____^

      Elimina
    8. Beh, la Disney americana imponeva una sorta di codice etico: es. Gambadilegno "perse" la gamba-appunto-di-legno perché non era bello che Topolino combattesse con un disabile... altro es: in una storia di zio Paperone, Luciano Bottaro dovette trasformare dei macchiettistici cannibali alla Bilbolbul in inediti indigeni verdi (i bassotti travestiti)... XD
      Saluti a tutti gli amici. VZP

      Elimina
    9. Infatti come effetto collaterale, tutti i personaggi sono orfani e cresciuti da zii e nonni. Depressione. T_T

      Elimina
  5. Arrivo con ritardo,ma arrivo,grazie Ran,un'altro bellissimo film che ci elargisci a braccia spalancate,ti potremmo quasi chiamare la nostra Cornucopia delle chicche!! Pure il fumetto e la colonna sonora dei Queen,che potremmo volere di più! Io lo guarderò domani sera,vista l'ora,e ti saprò dire,in quanto non mi ricordo di averlo visto (grave pecca).Un saluto anche se con ritardo a te a tutti gli amici del blog! ^___^

    RispondiElimina
  6. Grazie Ranmafan! Copiato il link, scaricherò presto: una chicca interessante, la ricordo con simpatia. A presto!

    RispondiElimina
  7. È bello vedere questo entusiasmo! :D
    In effetti solo a citare Flash Gordon e il suo creatore Alex Raymond rischiava di scatenare le folle; ho giocato con carte sicure (bonci bonci bonci bo! XD).

    RispondiElimina
  8. Bello,gli albori della fantascienza!!Ovviamente stupenda la colonna sonora.il fumetto non l'ho ancora guardato!Buona serata a tutti gli amici
    ^_^

    RispondiElimina
  9. Dopo il rarissimo Flesh (ma dove l'hai scovato) l'indimenticabile Flash.
    Esuberante, onirico, kitsch.......e con dialoghi così surreali da sfiorare il sublime ridicolo.
    Davvero grazie Ranmafan

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...