sabato 15 agosto 2015

Le avventure di Bianca e Bernie


Titolo originale: The Rescuers
Nazione: USA
Anno: 1977
Genere: Animazione
Durata: 77'
Regia: Wolfgang Reitherman, Art Stevens, John Lounsbery

Trama:
All'ombra del palazzo dell'ONU c'è la Società Internazionale di Soccorso cui, durante una seduta, perviene un SOS deposto in una bottiglia dall'orfanella Penny. In suo aiuto vengono mandati la signora Bianca e l'usciere Bernie, due minuscoli e volenterosi topini. Giunti all'orfanotrofio di Penny scoprono dal suo amico, il vecchio gatto custode Rufus, che la bambina è stata rapita e portata alla palude del Diavolo dai coniugi Medusa e Snoops, padroni di un banco di pegni e decisi a servirsi della minuscola bmbina per recuperare un diamante gigantesco nascosto in una caverna della palude e detto "l'Occhio del Diavolo". Riusciranno a salvare Penny in tempo?

Commenti:
Esattamente a metà del periodo di crisi attraversato dalla Disney tra gli anni ’60 e la fine degli anni ’80, arriva Le avventure di Bianca e Bernie, che rappresenta un deciso miglioramento rispetto ai Classici precedenti. Le atmosfere sono più cupe, si rinuncia al solito musical allegro e sopra le righe in favore di una colonna sonora più malinconica e d’accompagnamento, a personaggi più caratterizzati e a un’animazione di buon livello. Ispirato ai racconti di Margery Sharp, il 23° Classico Disney è davvero una boccata d’aria fresca per lo Studio.
Basterebbe solo il prologo e gli originali titoli di testa per far saltare immediatamente sulla sedia e mostrare la differenza tra questo film e i Classici precedenti: niente più lezioni di pianoforte dei gattini o allegre scorribande nel bosco. Una bambina tremante esce nella notte, una colonna sonora pesante la accompagna mentre si dirige vicino all’acqua e lì lascia andare un messaggio in una bottiglia, sperando che qualcuno la salvi. È sorprendente quanto, pur partendo esattamente dalla stessa premessa della Carica dei cento e uno e degli Aristogatti (un rapimento e la missione di soccorso), sia diverso da questi due film.
Anche l’animazione è visibilmente migliorata, più dinamica, più ricercata, anche nelle belle, per quanto oscure, ambientazioni. Da questo punto di vista il film rappresenta una specie di passaggio di testimone tra le generazioni. Si tratta dell’ultimo film a cui collaborò come regista Wolfgang Reitherman, che aveva diretto gli ultimi Classici, e a cui parteciparono Ken Anderson e altri veterani come Milt Kahl o Frank Thomas. Entra invece nella squadra Ron Clements (che poi diventerà il regista per eccellenza del Rinascimento Disney), mentre tra gli animatori si registra il nome di un giovane Don Bluth. :O
Le avventure di Bianca e Bernie rimane purtroppo un prodotto unico, o quasi, nell’arco dei trent’anni della fase critica della Disney, che si allontanò dall’appiattimento su storie semplici, incentrate sull’elemento comico e avventuroso, per tornare al dramma che era al centro dei primi film dello Studio come Bambi o Dumbo. Forse per questo è più adatto ai bambini un po' più grandi (over 50, ad esempio!^____^).
La struggente tenerezza, la complessa semplicità e la delicata spontaneità dell’ orfana Penny la potrebbero rendere una vera principesse Disney. Per fortuna non lo è! :D



FELICE FERRAGOSTO
A TUTTI!!!

Dati tecnici:
Audio: AC3 ITA+ENG
File Name: Le avventure di Bianca e Bernie.mkv
Codec ID: H.264/MPEG-4
Resolution: [ Width: 720 Height: 432]
DRF medio: 18.867247
Deviazione standard: 1.793521
Frame Rate: 25 fps
Durata: 01:14:02 (4442.24 s)
Bitrate: 2624.515014 kbps
File size: 1.846.875 KB
Subtitles: ITA+ENG

Screenshots:







DVD Cover: compresa nel file
Cartella MeGa
https://mega.co.nz/#F!6sNkGbxK!_6PHN08alb6Q1Ar_JHLjYg

5 commenti:

  1. A parte quanto scritto sopra, aggiungo che, come sempre per i lavori Disney, il cast delle voci originali è STELLARE! Splendide soprattutto quella di Geraldine Page, che interpreta una fantastica Medusa, e Eva Gabor, Bianca, che è quasi troppo adulta per bambini! ^____^
    Ammetto di aver apprezzato questo film solo mooooolti anni dopo la sua uscita: o è migliorato con gli anni o finalmente sono diventato abbastanza grande per capirlo.
    Vi auguro ancora un Felice Ferragosto e, come sempre, Buon Divertimento! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buon Ferragosto anche da me! ^_^

      Elimina
  2. grazie ranma, buon proseguimento

    RispondiElimina
  3. Ah, caro Ranmafan! Questo film è uno dei miei Disney preferiti e l'avrei postato volentieri io se non avessi una lista d'attesa stile elenco telefonico, oltre a una pigrizia che sta avendo il sopravvento su tutto. XD
    Precisa e arguta la tua recensione tecnica (sia sui temi che sui collaboratori), anche se a mio parere il film costituisce più la fine di un'era che non la nascita di un nuovo ciclo: con tutti i suoi difetti, il periodo Reitherman rimane quello che apprezzo di più, già lo sai. Il cosiddetto Rinascimento è ancora da venire, gli anni Ottanta colpiranno duro e sui Novanta ho le mie personalissime riserve...
    Comunque mi hai fatto felice, e non è poco. Mille grazie. Il vecchio zio Pietro

    spam: sono di passaggio da casa, mi accingo a fare il rip di una chicca e se riesco lo pubblico in nottata. ;-)

    RispondiElimina
  4. Grazie a tutti voi! Sono felice, come succede spesso ^___^, di essere riuscito a trovare il film giusto per il momento giusto. Certo, con questi titoli è facile persino a vacanze finite. :D

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...