venerdì 19 maggio 2017

Come d'incanto


Titolo originale: Enchanted
Nazione: USA
Anno: 2007
Genere: Commedia
Durata: 107'
Regia: Kevin Lima
Cast: Amy Adams, Patrick Dempsey, James Marsden, Timothy Spall, Susan Sarandon, Idina Menzel

Trama:
Giselle è una principessa che viene scacciata dal magico mondo delle fiabe da una regina cattiva e finisce così proiettata nell'odierna New York. Qui sarà costretta a confrontarsi con una realtà del tutto differente che cambierà lei stessa e molti dei suoi punti di vista, compreso -soprattutto- quello sull'amore, e...

Commenti:
All'inizio, una sequenza cartoonistica a base di fiocchetti, uccellini, principe e principessa che-si-amano-cospargendo-di-melassa-lo-schermo, fa venire il dubbio di stare assistendo ad una pellicola certamente ben fatta ma adatta solo all'asilo nido. Fortunatamente lo straniamento fa parte di questa commedia e la storiellina iper-stereotipata sull'"amore e la felicità per tutta la vita" si rivela solo il prologo autoironico di un film che è sì romantico e sentimentale ma anche molto, molto divertente.
Probabilmente solo la Disney può parodiare in maniera così efficace se stessa (almeno, senza finire in tribunale! XD) ed il mondo delle fiabe da cui ha attinto a piene mani nel corso di più di sessant’anni e lo fa con un autoironia ed un eleganza davvero encomiabili, sfornando un intrigante e spassoso live-action. L'insistita autoreferenzialità non rimanda a un semplice citazionismo: Kevin Lima ripercorre, adatta e ri-contestualizza i topoi della Disney e delle favole tradizionali (l'amore impossibile, l'amicizia, l'apprendistato umano, la solidarietà animale, l'antropoformizzazione) alla luce delle nuove esigenze socio-culturali. L'effetto comico deriva così dal rovesciamento tematico dell'originale e quindi il Principe delle fiabe diventa il bersaglio principale del film per la sua fraseologia arcaica, i cliché linguistici e le parole fuori luogo, almeno a New York, che inducono la principessa alla fuga invece che al bacio. La Giselle di Amy Adams al contrario impara ad affrontare la realtà, affrancandosi dai favolismi e scoprendo la propria femminilità.
Amy Adams è davvero irresistibile, gioca davvero a fare la principessa delle fiabe esibendosi in coinvolgenti numeri musicali e sfoggiando una serie di mossettine ed una aria svanita che non può non conquistare. Accanto a lei un perfetto Patrick Dempsey che sfrutta abilmente il rodato fascino del suo dr. Shepherd di Grey’s Anatomy. Un plauso anche a Susan Sarandon che, come la Glenn Close della Carica dei 101, si mette in gioco parodiando, in un effervescente e luciferino mix, tutte le streghe/matrigne/regine del mondo delle fiabe creando una fascinosa e teatrale villain in gonnella da manuale. In ultimo, davvero ottimo il comparto sonoro, con azzeccatissimi numeri musicali (su tutti notevole la sequenza nel parco) e non ci si poteva aspettare di meno dalla bravura del mago dei musical made in Disney Alan Menken, autore, tra gli altri, de "La bella e la bestia", "Aladin" e "La sirenetta".
Qualcosa è davvero cambiato nella fabbrica di magia per eccellenza: le principesse si arrabbiano, accettando sorprese la propria sfera istintiva ed il proprio desiderio represso, senza magia e senza incantesimi. La salvezza della principessa disneyana non deriva più dagli strumenti offerti (la promessa di matrimonio) dal principio maschile (il principe) ma passa attraverso l'istituzione di un nuovo equilibrio col sesso "azzurro". E qualcosa è cambiato anche nel mondo reale se questo film ha letteralmente sbancato i botteghini, quadruplicando in poche settimane il (copioso!) budget investito! Da vedere o, per chi l'avesse scartato a priori a causa di una campagna italiana davvero sbagliata, da scoprire assolutamente! :D


Dati tecnici:
Audio: AC3 ITA+ENG
File Name: Come d'incanto.mkv
Codec ID: V_MPEG4/ISO/AVC
Resolution: [ Width: 720 Height: 304]
DRF medio: 20.206135
Deviazione standard: 3.730428
Frame Rate: 25 fps
Durata: 01:43:02 (6181.96 s)
Bitrate: 1356.024788 kbps
File size: 1.606.639 KB
Subtitles: ITA+ENG

Screenshots:







DVD Cover: compresa nel file
Cartella MeGa
https://mega.nz/#F!PkVRHKrB!NbPv6IMTIpBDlsXaduJ04A

5 commenti:

  1. Giocando con questo film, in una sola serata abbiamo individuato più di un centinaio di citazioni Disney nascoste ma, a sentire cosa ne dice il regista, dovrebbero essere circa un migliaio :O . Ovviamente vi invito a cercarle e, magari, a condividerle con tutto il blog. ^__^

    Carissimi amici, sembra che mi stia adattando a postare almeno una volta alla settimana (ben lontano dai fasti di un tempo ma è già qualcosa...) quindi anche per questo weekend vi propongo un titolo che, contro ogni previsione, ho apprezzato! Consiglio, quando possibile, di usare la traccia audio inglese che definire "strepitosa!" è davvero poco!
    Buon divertimento. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O caro Ran, non nascondo che questo titolo non parrebbe propriamente nelle mie corde, anche se la tua recensione e, soprattutto, il gioco citazionista potrebbero dargli qualche chance... Lo so, manifestare "dissenso" non è "cortese", ma non intaccherà certo la stima reciproca.

      Invece, non posso che compiacermi nel constatare che hai ripreso un certo ritmo. Credimi, siamo sempre in attesa delle tue proposte.
      Sarebbe bello si creasse una piccola rete di ripper artigianali che, uno o due giorni a testa, coprisse tutto l'arco della settimana...

      Elimina
    2. Sì, sarebbe bello ed è qualcosa che vorrei creare da anni. In effetti averti istigato ad aprire un tuo blog faceva proprio parte di una strategia simile. ^___^
      Chissà che non si riesca a convincere qualcun'altro. Amici, nessuno se la sente di provare? ;)
      In ogni modo, spero sempre che la lista di "blog amici" qui a sinistra serva non solo a farli conoscere ma anche a sopperire agli inevitabili tempi morti che si generano tra un post e l'altro. Non è la stessa cosa ma ai fini praciti non c'è quasi giorno che non compaia una nuova release da qualche parte. Questa è già una bella vittoria. :D

      Elimina
    3. PS: non ti preoccupare, il dissenso è più che legittimo e non intaccherà mai nulla tra noi. ^______^

      Elimina
    4. Buon BVZP, in genere un cortese dissenso è molto più corretto e rispettoso di un falso consenso. O no? ;)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...