martedì 3 luglio 2018

Arlecchino servo di due padroni


Titolo originale: Arlecchino servo di due padroni
Nazione: ITA
Anno: 1987
Genere: Teatro, Commedia
Durata: 143'
Regia: Giorgio Strehler
Cast: Ferruccio Soleri, Gianfranco Mauri, Narcisa Bonati, Andera Jonasson, Franco Graziosi, Paolo Calabresi, Giorgio Bongiovanni, Giulia Lazzarini

Trama:
In casa di Pantalone sua figlia Clarice e Silvio, figlio del Dottore, celebrano il fidanzamento dopo che la notizia della morte di Federigo Rasponi, uomo d'affari di Torino promesso a Clarice senza che mai lei lo avesse visto, scioglie dall'impegno la giovane. L'arrivo del redivivo Rasponi getta lo scompiglio e...

Commenti e recensione:
L'Arlecchino è sempre uguale e sempre diverso e questa versione, detta "dell'addio", è il frutto più alto di oltre trent'anni di magnifica evoluzione. Dalle prime rappresentazioni, con la loro scenografia rarefatta e quasi idealizzata, recitate al Piccolo ma anche nei borghi e nelle cascine della Bassa, si è arrivati a questa opera matura dove il vuoto è colmato dalla magia, sempre più esaltante, dell'interptetazione. Questo è l'"addio" al grandissimo Soleri (anche se poi non riuscirà a trattenersi dal rimettere la maschera ancora qualche volta ^_^) che ha indossato i panni multicolori dello Zanni per oltre cinquant'anni! Solo pochi mesi fa, alla bella età di 88 anni (e ricco delle 2283 repliche che l'hanno reso il recordman di longevità sul palco con un unico personaggio) ha dichiarato di sentirsi "un po' stanco". E vorrei vedere! Nemmeno nel pieno della mia fanciullezza sarei mai riuscito a fare anche solo una delle mille acrobazie che, instancabilmente, metteva in scena ogni sera. È facile quindi lasciarsi incantare dalla sua fisicità e distrarsi dalla sua eccezionale professionalità di attore! Era invece questa sua competenza, questa sua capacità di entrare in contatto col pubblico, che Strelher aveva riconosciuto e che quasi gli imponeva di replicare e replicare. Ferruccio - diceva - è l'Arlecchino quello che ci chiedono. Non possiamo deludere il pubblico; e via così, con un'altra edizione. ^_^
E quanto è "nuovo" questo Goldoni! Ma è poi esatto, definire "straordinario" il sorpassare gli anni, anche i secoli, per un'opera di teatro? Non è questa, invece, la caratteristica dell'opera d'arte? La vera opera d'arte parla con accenti diversi, con prospettive diverse ma è sempre contemporana alla gente a cui si rivolge. Mutano i suoi interpreti, si cambiano i moduli espressivi o certi ritmi, ma le texte resta. Così questo intramontabile Arlecchino servo di due padroni ha in sé il segno della vita che passa e si rinnova. Diceva Strehler: lo spettacolo è sempre rinato dalle sue ceneri, mai identico, sempre in movimento, sempre alla ricerca di un “modo” di rappresentarsi che non fosse la copia esatta del vecchio ma la traccia per il nuovo, su ciò che di valido c’era stato. Grazie Strehler, grazie Ferruccio: sfondando ripetutamente la quarta parete ci avete fatto riscoprire la Commedia dell'Arte dopo secoli di oblio e capire come il mondo, nel suo profondo, non sia mai davvero cambiato e che sia, malgrado i suoi difetti, davvero un gran bel Mondo! :)
Per chi ha avuto la gioia di vederlo dal vivo, questa è l'occasione rara di provare di nuovo quelle magiche senzazioni; per chi invece se lo fosse perso, è da scoprire assolutamente! :D


Dati tecnici:
Audio: AC3 ITA
File Name: Arlecchino servo di due padroni.mkv
Codec ID: V_MPEG4/ISO/AVC
Resolution: [ Width: 720 Height: 416]
DRF medio: 22.869790
Deviazione standard: 2.812903
Frame Rate: 25 fps
Durata: 02:32:36 (9156 s)
Bitrate: 2340.014339 kbps
File size: 1.447.752 KB
Subtitles: ITA

Screenshots:










DVD Cover: compresa nel file
Cartella MeGa
https://mega.nz/#F!XIZESAyR!2g5Hwp5dlvaZHYKUZ8ybOA

11 commenti:

  1. Questo Arlecchino è l’emblema stesso del periodo d'oro del Piccolo Teatro. Spettacolo insieme colto e popolare, ha saputo rifondare la Commedia dell’Arte e ha dimostrato la capacità di divertire e comunicare con pubblici diversissimi, ottenendo successi ovunque!
    Non potendo, momentaneamente, contare sull'apporto del Buon Vecchio Zio Pietro (questo sarebbe stato un suo tipico post), ho pensato di non poter assolutamente tenere questa perla solo per me; spero l'apprezziate, malgrado al qualità non al top dovuta alla registrazione di MammaRAI dell'epoca. ;)
    Carissimi amici, dovrò stare fuori sede per un po' e non sono sicuro di riuscire a proporvi qualcosa fino al mio ritorno. Nel frattempo: Buon Divertimento! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e buon "fuori sede" (qualunque sia il motivo), allora! ;D

      Elimina
    2. Sarò fuori sede per lavoro, niente di grave. è solo che potrebbe esserci una connessione internet terribile e ho paura di non riuscire a postare. Se ci riuscissi, però, mi farà molto piacere perché vedo quanto state apprezzando. Ho ancora due giorni per preparare qualche articolo, magari li sfrutterò per metterli in "stand-by" (come mi ha insegnato tempo fa il BVZP ^__^) e vi farò qualche sorpresa. ;)

      Elimina
  2. In questi giorni sei una macchinetta macina-titoli!!! Bene bene bene...

    Che poi con questa accelerazione tu voglia compensare una momentanea assenza non fa che renderti ulteriore onore e penso significhi che tieni a tutti noi aficionados del blog.
    Ti dirò, potrebbe essere proprio la perdita di questo spirito che mi ha fatto fermare: postare nuovi titoli stava diventando un'attività che facevo per me stesso.

    Per il momento, a te auguro una buona permanenza "fuori porta", anche se credo si tratti di lavoro e non di vacanza. Agli altri le mie scuse per l'eccesso di pathos.
    Il vecchio zio Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farlo per se stessi è importante (anche se sottintende un po' di narcisismo) però hai ragione, non basta. È il supporto degli amici che, condividendo le scelte o, quanto meno, apprezzandole spesso, riesce a dare il vero impulso ad un blog. E se facendolo riesci anche a sfogare la live forma di esibizionismo culturale che ci caratterizza, il gioco è fatto! ^__^
      Attenzione: anche le fenechate sono una personale versione sfoggio di cultura. Laterale, magari, ma sempre cultura e, in quanto tale, meritevole di essere apprezzata. È chiaramente per motivi culturali se riguardo spesso i tuoi ultimi titoli. ;)

      Elimina
    2. e noi speriamo tutti che il buon vecchio zio pietro torni presto :-)

      Elimina
  3. ciao ranma, avevo acquistato un dvd con il corriere devo controllare se è la stessa edizione di questo. ti ringrazio moltissimo per averlo pubblicato. una proposta interessantissima!!!

    girix

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è senz'altro quella perché temo sia anche l'unica edizione mai fatta di questo capolavoro. Se anche tu hai il DVD, conservalo con cura perché il mio ha cominciato a rovinarsi quasi subito. Menomale che ne avevo fatto questo backup. >_<

      Elimina
    2. sn G R A Z I E
      ciao Ran, ho notato anch io che alcuni DVD del 1985 - 1995, cominciano a fare i capricci, solo sui vecchi lettori girano. Hai perfettamente ragione, fatene una copia 1:1 o rip ''OTTIMO CONSIGLIO'' (come sempre Tu ne dai)
      ora sn solo su
      https://millecentotre.wordpress.com/
      un saluto a tti, e passate a trovarMi ;D

      Elimina
    3. Grazie, sei fantastico! :D
      Ho aggiunto all'elenco anche il tuo link di sicurezza, non si sa mai. ;)

      Elimina
  4. Molte grazie per il file.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...